Cosa vuoi fare da grande?

Walt-Disney-Screencaps-Peter-Pan-walt-disney-characters-32703444-4332-3240

 

Cosa vuoi fare da grande?

Bella domanda. Peccato che avere una risposta al giorno d’oggi è praticamente impossibile. Ammettiamo che si vuol diventare medici: con i tempi di università e specializzazione che ci sono in Italia e contando anche il tempo per trovare lavoro sei fortunato se due anni prima di andare in pensione riesci ad esercitare la professione! Si sono un po’ esagerato, ormai lo sapete, pero la realtà è abbastanza triste: i giovani non possono avere un futuro normale, con delle prospettive e di vita decenti. Mi chiedo perché se ne stiano andando tutti da questo paese…
E’ solo un impressione mia? Oppure notate anche voi tutto questo scappa scappa dall’Italia? Altolà, non voglio fare il ragionamento del tipo “in Italia si sta male, non danno risorse, i politici sono ladri” NO. E’ solo per chiedere a voi miei cari lettori (e vi ringrazio che leggete questo pazzo blog) secondo voi ci sarà una soluzione definitiva? Per quanto ancora potrà andare avanti così?

…i ragazzi di oggi sembrano eterni Peter-pan… 

10 risposte a “Cosa vuoi fare da grande?

  1. Quando mi chiedono cosa voglio fare da grande vado in panico!
    Sono già grande.. Trent’anni e non sentirli.. Sono laureata in comunicazione pubblica e di impresa e pubblicità.. Qualche anno fa ero sicura di voler lavorare in quest’ultimo campo.. Man mano la sicurezza si è volatilizzata. Oggi quando me lo chiedono rido, anzi no, sorrido amaramente. Sono grande e non lo so cosa voglio fare.. Sono sicura di poche cose al giorno d’oggi: non vorrei mai e poi mai lasciare la mia terra, e vorrei poter lavorare nel campo per cui ho studiato con tanti sacrifici..
    Sembrerà assurdo, ma le idee chiare non le ho più.. E ho ormai quasi trent’anni! 😁

    Piace a 1 persona

  2. Purtroppo non è assurdo…molti, anzi, moltissimi sono nella tua stessa posizione. Tanti sacrifici per cosa? Al giorno d’oggi lavorare come commesso in un centro commerciale è diventato ambito come lo era una volta il posto in banca. Stiamo indietro..ma tanto indietro.
    Però fatti forza, se persisti e ci sarà un’opportunità coglila al volo 🙂

    "Mi piace"

  3. Ormai sono più che grande…non lavoro, ma avrei difficoltà a scegliere.
    Non è un’impressione, i ragazzi vanno davvero via, il mio figlio adottivo Sidney, due figli di nostri amici ari-Sidney, uno a Berlino, uno in Finlandia, tre in Inghilterra, una in Francia…insomma…
    Schiaffi da dare al governo ce ne sono parecchi pronti nelle mie mani e non mi vengano a dire che in Italia il lavoro non c’è, c’è eccome!! Ma al momento, non so se è una mia impressione, si aspetta a farlo partire…chissà perché? Io una mezza idea l’avrei…vediamo tra un pò se ho ragione, altrimenti perdo la scommessa con mio marito.
    I ragazzi di oggi Peter Pan? Forse, ma lo sono molto di più gli uomini di età…

    Piace a 1 persona

    • Si, forse dipende dal punto di vista…mi piace che hai detto che il lavoro c’è ma si aspetta a farlo partire. In effetti anche io penso: “ma tutti i servizi, contratti professionali chi li fa?” Nel senso, se davvero il lavoro non c’è come fa ad andare avanti una nazione? E’ strano, nessuno lavora ma tutti riescono ad andare avanti, con più difficoltà certo, ma si continua a vivere normalmente. Dobbiamo aspettare per forza che venga la fame? Non so..

      Piace a 1 persona

  4. Per i giovani è dura, stanno pagando loro il prezzo. In Italia c’è troppa ingiustizia, troppe differenze, troppo malaffare. Non è vero che i giovani sono Peter pan e se anche fosse così sarebbe sempre colpa di chi li ha tirati su in questo modo. Conosco ragazzi in gambissima, con una o due lauree, che lavorano e fanno master,m parlano più lingue e si impegnano nel sociale o nella cosa pubblica. Conosco tanti ragazzi che sono molto più in gamba di me alla loro età. Cambierà sicuramente, basta solo invertire la rotta che ci sta portando verso il baratro, ma bisogna rimboccarsi le maniche e ripartire dai valori fondamentali: onestà, impegno, caparbietà, fiducia, solidarietà, amore per il nostro paese.

    Piace a 1 persona

  5. Se potessi tornare indietro nel tempo non sgobberei tanto sui libri come ho fatto, ma prenderei un indirizzo tecnico o ragioneria. Non troverei lavoro lo stesso perché lo trovano solamente i figli di o i parenti di, ma almeno avrei una qualifica più concreta.
    Quindi: sì, il lavoro c’è, ma solo per i pochi fortunati che hanno studiato lo stesso mestiere che fanno i genitori. O per quelli che sono andati in pensione prima e non si accontentano di ciò che dà loro il governo (e non parlo di quelli che prendono il minimo, esperienza personale). Gli altri si prendono una miriade di porte in faccia.
    Mchan

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...